Digital Tax

È l’imposta sui servizi digitali introdotta nel 2019 grazie alla Legge di Bilancio. Inserita per colmare la disparità tra le aziende tradizionali (23%) e quelle digitali (9%). Ciononostante questa tassa è destinata solo ai grandi colossi come Amazon, Meta e Google. Infatti dovranno pagarla solo le compagnie o aziende con ricavi al di sopra di 750.000.000€, di cui almeno 5.500.000€ in Italia.

Quando si invia la dichiarazione per la Digital Tax?

Non esiste una data precisa, ma si invia sempre nell’anno successivo del calcolo delle prestazioni. Questo significa che l’imposta del 2020 sarà pagata nel 2021, quella 2021 nel 2022 e via dicendo. Per esempio l’ultima data per inviarla nel 2022 era il 31 marzo

Le eccezioni

In Italia non devono pagare la Digital Tax i seguenti soggetti:

  • Banche;
  • Siti aziendali;
  • Soggetti finanziari già soggetti ad accise;
  • Operatori telefonici;
  • Fornitori di contenuti digitali, come TV e giornali.