Aggiornamenti sulla fattura elettronica, dalla normativa alle opportunità, fino ad una corretta implementazione dei processi digitali che la accompagnano

Come fatturare senza partita iva

Vediamo nel dettaglio come fatturare senza avere una partita IVA. È infatti possibile fatturare anche se non si ha una partita IVA, utilizzando diverse opzioni come emettere una ricevuta per una prestazione occasionale o fatturare utilizzando il proprio nome e cognome per prestazioni occasionali di tipo accessorio. Inoltre, le associazioni senza partita IVA possono emettere fatture elettroniche utilizzando il proprio codice fiscale. E’ importante, però, registrare correttamente le fatture emesse e rispettare i limiti di guadagno stabiliti per evitare sanzioni fiscali.

Come fatturare senza partita IVA

E’ possibile fatturare anche senza aprire una partita IVA, o senza fare impresa. Esistono diverse modalità come, ad esempio, emettere una ricevuta per una prestazione occasionale, fatturare utilizzando il proprio nome e cognome per prestazioni occasionali di tipo accessorio o utilizzando il proprio codice fiscale per le associazioni senza partita IVA. In ogni caso è comunque sempre fondamentale registrare correttamente le fatture emesse per evitare sanzioni fiscali.

  • Ricevuta per prestazione occasionale: è possibile emettere una ricevuta per una prestazione occasionale, in cui è indicato solo il nome e il cognome del cliente, la data della prestazione e l’importo pagato. Non è necessario avere una partita IVA per emettere questo tipo di ricevuta.
  • Prestazioni di lavoro occasionale di tipo accessorio: per chi svolge un’attività occasionale che non supera i 5.000 euro all’anno, non è necessario avere una partita IVA. In questo caso, è possibile fatturare utilizzando il proprio nome e cognome e indicando la prestazione svolta.
  • Fattura elettronica per associazioni senza partita IVA: le associazioni senza partita IVA possono emettere fatture elettroniche utilizzando il proprio codice fiscale.

Indipendentemente dalla scelta, è necessario registrare correttamente le fatture emesse.

Fatturazione senza partita IVA: vantaggi e svantaggi

La fatturazione senza partita IVA presenta sia vantaggi che svantaggi.

I vantaggi principali sono:

  1. Riduzione dei costi: non è necessario pagare le tasse annuali per la partita IVA e non ci sono costi per la sua gestione.
  2. Semplicità: è più semplice gestire la fatturazione senza partita IVA, soprattutto per le piccole attività.

D’altra parte, ci sono alcuni svantaggi da considerare:

  1. Le prestazioni occasionali non possono superare i 5.000 euro all’anno e le associazioni senza partita IVA hanno limitazioni nell’emettere fatture, il che può rappresentare un limite per alcune attività.
  2. Sanzioni fiscali: se non si registrano correttamente le fatture emesse, si rischiano sanzioni fiscali.

In generale, quindi, la fatturazione senza partita IVA può essere un’opzione conveniente per alcune attività, ma richiede una certa attenzione nella gestione delle fatture e nella registrazione delle operazioni effettuate.

Come fatturare senza partita iva

Fattura senza partita IVA: come evitare sanzioni fiscali

Per evitare sanzioni fiscali durante la fatturazione senza partita IVA, è importante seguire alcune regole:

  1. Registrare correttamente le fatture emesse: tutte le fatture emesse, indipendentemente dal tipo, devono essere registrate e conservate per almeno dieci anni.
  2. Conservare i documenti giustificativi: è importante conservare tutti i documenti giustificativi delle spese sostenute e delle entrate percepite.
  3. Rispettare i limiti di guadagno: è importante rispettare i limiti di guadagno stabiliti per le prestazioni occasionali e per le associazioni senza partita IVA, altrimenti si rischiano sanzioni fiscali.
  4. Comunicare al cliente che si fattura senza partita IVA: è fondamentale informare il cliente che si sta emettendo una fattura senza partita IVA, in modo che sia a conoscenza della situazione e possa verificare se è in regola con le normative fiscali.
  5. Utilizzare un software di fatturazione come FatturaPro: per evitare errori e agevolare la gestione delle fatture, è consigliabile utilizzare un software di fatturazione.

In generale è importante tenere sempre traccia di tutte le operazioni effettuate, per evitare di incorrere in errori e sanzioni fiscali.

In conclusione, la fatturazione senza partita IVA presenta dei vantaggi come la riduzione dei costi e la semplicità, ma presenta anche degli svantaggi come i limiti di guadagno e le sanzioni fiscali. Per evitare sanzioni fiscali è importante seguire alcune regole come registrare correttamente le fatture emesse, conservare i documenti giustificativi, rispettare i limiti di guadagno, comunicare al cliente che si sta emettendo una fattura senza partita IVA e utilizzare un software di fatturazione.

Quanto tempo ha un privato per pagare una fattura

Il pagamento delle fatture è un passaggio fondamentale per qualsiasi privato, poiché permette di evitare sanzioni e ritardi nei pagamenti. Tuttavia, sono ancora in molti a chiedersi quanto tempo ha un privato per pagare una fattura e quali sono i rischi e le conseguenze di una fattura non pagata. Cerchiamo quindi di fare chiarezza su questo argomento valutando tutti fattori, i rischi e le eventuali conseguenze.

Quanto tempo ha un privato per pagare una fattura: Termini di pagamento

Per quanto riguarda i termini di pagamento per i privati, la legge prevede un limite di tempo per pagare una fattura. Solitamente, il tempo massimo per pagare una fattura è di 30 giorni dalla data di emissione della fattura stessa. Tuttavia, è possibile che il fornitore stabilisca un termine di pagamento differente, ad esempio di 60 o 90 giorni. In ogni caso, il termine di pagamento deve essere indicato chiaramente sulla fattura, anche e soprattutto se si tratta di una fattura elettronica.

I privati che non rispettano i termini di pagamento possono incorrere in sanzioni e interessi moratori. Ad esempio, l’interesse moratorio può essere del 2% o del 3% l’anno, a seconda delle disposizioni contrattuali. Inoltre, è possibile che il fornitore possa interrompere o sospendere il servizio in caso di mancato pagamento.

Per evitare ritardi nei pagamenti e sanzioni, i privati possono adottare alcune strategie:

  1. Pianificare i pagamenti delle fatture in modo da non avere problemi di liquidità
  2. Verificare regolarmente gli estratti del conto corrente per verificare eventuali pagamenti scaduti
  3. Tenere traccia dei termini di pagamento delle fatture in un’agenda o in un software di gestione delle fatture

Quanto tempo ha un privato per pagare una fattura

Fattura non pagata: rischi e conseguenze

Le fatture non pagate possono avere conseguenze negative sia per il privato che per il fornitore. Per il privato, le conseguenze possono essere:

  • Sanzioni e interessi moratori – Le sanzioni possono essere stabilite dal fornitore in base alle disposizioni contrattuali e possono variare da un minimo del 2% ad un massimo del 3% dell’importo della fattura. Gli interessi moratori, invece, sono calcolati sulla base del tasso di interesse legale e possono variare in base al periodo di ritardo del pagamento.
  • Interruzione o sospensione del servizio – questo significa che il privato non avrà più accesso al servizio o al bene acquistato fino a quando non avrà saldato la fattura.
  • Difficoltà a ottenere finanziamenti o prestiti – Le banche e gli istituti di credito possono infatti considerare il mancato pagamento delle fatture come un segnale di rischio e quindi rifiutare la richiesta di finanziamento.
  • Problemi di reputazione – non pagare delle fatture può essere visto come un segnale di scarsa affidabilità e di mancanza di serietà nei confronti degli obblighi contrattuali.

Per il fornitore, le conseguenze possono essere:

  • Perdite finanziarie: il mancato pagamento delle fatture comporta perdite finanziarie per il fornitore, poiché non riceve il denaro dovuto per il servizio o il bene fornito.
  • Problemi di liquidità: il mancato pagamento delle fatture può causare problemi di liquidità per il fornitore, poiché gli impedisce di utilizzare il denaro per pagare le proprie fatture e gli obblighi finanziari.
  • Difficoltà a ottenere nuovi clienti: il mancato pagamento delle fatture può causare difficoltà per il fornitore nell’ottenere nuovi clienti, poiché può essere visto come un segnale di scarsa affidabilità e di mancanza di serietà nei confronti degli obblighi contrattuali.

Fatture non pagate: come richiederne il pagamento

In caso di fatture non pagate, il fornitore può richiedere il pagamento attraverso diverse modalità:

  1. Sollecito di pagamento: il fornitore invia un sollecito di pagamento al cliente per ricordargli la scadenza del pagamento e i termini contrattuali.
  2. Inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno: il fornitore invia una raccomandata al cliente per richiedere il pagamento e per informarlo delle conseguenze in caso di mancato pagamento.
  3. Recarsi in tribunale: il fornitore può presentare una richiesta di pagamento al tribunale competente. In questo caso, il giudice emetterà una sentenza che obbliga il cliente a pagare la fattura.
  4. Utilizzare un’agenzia di recupero crediti: è sempre possibile rivolgersi a un’agenzia di recupero crediti per richiedere il pagamento della fattura elettronica non saldata. L’agenzia si occuperà di contattare il cliente e di concordare un piano di pagamento.

Alla luce di quanto detto finora è importante che i privati rispettino i termini di pagamento delle fatture per evitare sanzioni e problemi con i fornitori. Tuttavia, in caso di difficoltà a pagare una fattura, è possibile concordare un piano di pagamento con il fornitore o chiedere il supporto di un’agenzia di recupero crediti.

Come calcolare l’iva in fattura

Il calcolo dell’IVA in fattura è una procedura importante per qualsiasi azienda che desideri emettere correttamente fatture elettroniche ai propri clienti. Vediamo quindi di capre meglio come calcolare l’iva in fattura su un importo totale, parziale e scontato.

Come calcolare l’IVA in fattura su un importo totale

Per calcolare l’IVA in fattura su un importo totale, è necessario conoscere la percentuale di IVA applicabile per il tipo di prodotto o servizio in questione. In Italia, ad esempio, l’IVA è attualmente al 22%. Quindi, per calcolare l’IVA su un importo totale di 100 euro, si utilizzerebbe la seguente formula:

Importo IVA = Importo totale x Percentuale IVA

Nel nostro esempio, l’importo dell’IVA sarebbe di 22 euro (100 x 0,22).

La percentuale di IVA varia in base al paese e al tipo di prodotto o servizio. In Europa, alcune delle percentuali di IVA più comuni sono:

  1. Francia: l’IVA standard è del 20%, ma ci sono anche alcuni prodotti e servizi soggetti a un’IVA ridotta del 5,5% e un’IVA super ridotta del 2,1%.
  2. Germania: l’IVA standard è del 19%, ma ci sono anche alcuni prodotti e servizi soggetti a un’IVA ridotta del 7%.
  3. Regno Unito: l’IVA standard è del 20%, ma ci sono anche alcuni prodotti e servizi soggetti a un’IVA ridotta del 5% e un’IVA zero del 0%.

Tenendo conto dell’esempio che abbiamo fatto anche per l’Italia, per calcolare l’IVA su un importo totale di 100 euro in Francia, ad esempio, si utilizzerebbe la seguente formula:

  • Importo IVA = Importo totale x Percentuale IVA
  • L’importo dell’IVA sarebbe di 20 euro (100 x 0,20).

Per calcolare l’IVA su un importo totale di 100 euro in Germania, si utilizzerebbe la seguente formula:

  • Importo IVA = Importo totale x Percentuale IVA
  • L’importo dell’IVA sarebbe di 19 euro (100 x 0,19).

Per calcolare l’IVA su un importo totale di 100 euro nel Regno Unito, si utilizzerebbe la seguente formula:

  • Importo IVA = Importo totale x Percentuale IVA
  • L’importo dell’IVA sarebbe di 20 euro (100 x 0,20).

Si consiglia di verificare sempre le percentuali di IVA in vigore nel proprio paese prima di calcolare l’IVA in fattura, in quanto possono essere soggette a variazioni e cambiamenti.

Come calcolare l'iva in fattura

 

Come calcolare IVA in fattura su un importo parziale

Per sapere come calcolare l’IVA in fattura su un importo parziale, è necessario prima calcolare l’importo totale comprensivo di IVA. Quindi, si può utilizzare la seguente formula per calcolare l’importo parziale esente da IVA:

Importo parziale = Importo totale / (1 + Percentuale IVA)

Ad esempio, se l’importo totale di un prodotto con IVA al 22% è di 122 euro, l’importo parziale esente da IVA sarebbe di 100 euro (122 / 1,22).

Calcolo iva fattura su un importo scontato

Per calcolare l’IVA in fattura su un importo scontato, è necessario prima calcolare l’importo totale scontato. Quindi, si può utilizzare la stessa formula utilizzata per calcolare l’IVA su un importo totale per calcolare l’IVA sull’importo scontato.

Ad esempio, se l’importo totale di un prodotto con IVA al 22% è di 100 euro ed è applicato uno sconto del 10%, l’importo scontato sarebbe di 90 euro (100 – 10). L’importo dell’IVA sull’importo scontato sarebbe di 19,8 euro (90 x 0,22).

Calcolo iva in fattura:  gli aspetti da considerare

Aprire una partita iva comporta delle conoscenze di base che riguardano anche l’amministrazione e il lato fiscale di un’impresa. Per questo è importante sapere come calcolare l’IVA in fattura e quali sono tutti i fattori da considerare durante il calcolo:

  1. La percentuale di IVA applicabile: varia in base al paese e al tipo di prodotto o servizio. È importante verificare la percentuale di IVA applicabile per il proprio prodotto o servizio prima di calcolare l’IVA in fattura.
  2. Se l’IVA è inclusa o esclusa dall’importo totale: In alcuni paesi l’IVA è inclusa nell’importo totale mentre in altri è esclusa, quindi è importante conoscere la normativa del proprio paese per calcolare correttamente l’IVA.
  3. La possibilità di sconti o agevolazioni fiscali: In alcuni casi, potrebbero essere applicati sconti o agevolazioni fiscali su determinati prodotti o servizi. Verificare quindi se si è idonei per queste agevolazioni e calcolare l’IVA di conseguenza.
  4. La necessità di registrare l’IVA in fattura in un registro IVA: In molti Stati è richiesto di registrare l’IVA in fattura in un registro IVA È importante conoscere queste regole e seguirle per evitare sanzioni fiscali.
  5. La necessità di comunicare l’IVA in fattura all’Agenzia delle Entrate: Qualche volta è richiesto di comunicare l’IVA in fattura all’Agenzia delle Entrate entro un determinato periodo di tempo. Conoscere queste regole e seguirle evita l’applicazione di sanzioni fiscali.
  6. La possibilità di dedurre l’IVA in fattura come costo aziendale: talvolta è possibile dedurre l’IVA in fattura come costo aziendale.

In generale, è importante essere sempre informati sulle norme fiscali locali e consultare un professionista del settore fiscale per avere maggiori informazioni e per effettuare il calcolo dell’IVA in modo corretto e preciso.

Come annullare una fattura elettronica

La fatturazione elettronica è un sistema di emissione e trasmissione di fatture attraverso il web, introdotto in Italia dal 2019. In questo articolo, spiegheremo come annullare una fattura elettronica.

Si Può Annullare una Fattura Elettronica?

Sì, è possibile annullare una fattura elettronica. In alcuni casi, potrebbe essere necessario annullare una fattura elettronica perché è stata emessa in modo errato o perché la transazione commerciale a cui si riferisce non è andata a buon fine.

Come Annullare una Fattura Elettronica Emessa Ma non ancora inviata

Per annullare una fattura elettronica non ancora inviata, basta semplicemente eliminarla dal proprio sistema di fatturazione. Una volta emessa e salvata, una fattura elettronica non può essere modificata o cancellata. Pertanto, è importante verificare attentamente i dati inseriti prima di procedere all’emissione. Se la fattura contiene un errore ma ni si è ancora proceduto all’invio, è sufficiente eliminarlo definitivamente dalla propria piattaforma e crearne una nuova corretta. È importante assicurarsi di seguire le linee guida stabilite dall’Agenzia delle Entrate per l’emissione delle fatture elettroniche.

Annullare una fattura elettronica scartata dal Sistema di Interscambio

Quando una fattura elettronica inviata al Sistema di Interscambio (SdI) è scartata perché contenente errori, non può più essere annullata. Una volta emessa e inviata, una fattura elettronica non può essere modificata o cancellata. Pertanto, il primo passo da fare in questo caso è correggere gli errori della fattura scartata e inviarla nuovamente al SdI entro 5 giorni dalla data della notifica di scarto. In questo specifico caso è fondamentale assicurarsi di utilizzare lo stesso numero e la stessa data della fattura originale. In alternativa è anche possibile emettere una nuova fattura corretta con nuovo numero e data, seguendo le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate. In ogni caso, è sempre consigliato consultare e seguire le linee guida stabilite dall’Agenzia delle Entrate per l’emissione delle fatture elettroniche.

Fattura elettronica rifiutata dalla pubblica amministrazione

La Pubblica Amministrazione può rifiutare una fattura elettronica anche se è stata già approvata dal Sistema di Interscambio (SdI). Ci sono due modi in cui questo può avvenire:

  1. la Pubblica Amministrazione può inviare una “Notifica di esito negativo“, in cui notifica gli errori presenti nella fattura
  2. può rifiutare la fattura dopo averla già accettata o più di 15 giorni dopo averla ricevuta senza prima segnalare eventuali problemi.

In questi casi, la Pubblica Amministrazione potrebbe contattare direttamente il mittente della fattura per richiedere una nota di credito e una nuova fattura elettronica. È importante correggere gli errori il prima possibile per evitare sanzioni in caso di controlli delle autorità.

Come annullare una fattura elettronica

Nota di credito fattura elettronica

La nota di credito è un documento utilizzato per annullare o modificare una fattura già emessa. Con l’entrata in vigore della fattura elettronica, l’emissione di una nota di credito diventa simile all’emissione di una fattura elettronica stessa. Anche la nota di credito deve essere trasmessa attraverso il Sistema di Interscambio (SdI) utilizzando il codice operativo TD04. In alcuni casi, non è necessario emettere una nota di credito. Ad esempio:

  • l’IBAN è diverso
  • i campi della fattura elettronica (FE) sono compilati in modo improprio
  • l’indirizzo PEC è errato ma la fattura è stata comunque ricevuta dallo SdI
  • l’importo totale è sbagliato ma l’imponibile e l’IVA sono corretti.

Come fare nota di credito fattura elettronica

La necessità di sapere come annullare una fattura elettronica è nata sin da quando è entrato in vigore l’obbligo della fatturazione elettronica. A questa necessità si è affiancata anche quella di sapere come emettere una nota di credito. Vogliamo quindi ricordare brevemente le caratteristiche principali delle note di credito. La nota di credito ha caratteristiche simili a una fattura ordinaria, ma deve essere indicata come “nota di credito” e deve contenere alcune informazioni specifiche. In particolare, devono essere specificati:

  1. data di emissione
  2. numero progressivo
  3. dati dell’emittente
  4. dati del destinatario
  5. tipo di pagamento.

Inoltre, dev’essere fornita una descrizione della prestazione, che può essere l’importo totale nel caso di annullamento della fattura o l’importo da rettificare in caso di modifica della fattura. Altre informazioni da includere sono le modifiche all’IVA, alla rivalsa INPS e alla ritenuta d’acconto. Nel caso in cui sia apportata una modifica alla rivalsa INPS o all’IVA, questi importi devono essere indicati in negativo. Se è apportata una modifica alla ritenuta d’acconto, deve essere indicata in positivo. È importante compilare correttamente la nota di credito per evitare sanzioni in caso di controlli delle autorità. È anche importante tenere traccia delle note di credito emesse, in modo da poterle utilizzare come riferimento in futuro, se necessario.

Come fatturare ad una onlus

In questo articolo spiegheremo in modo dettagliato come realizzare correttamente una fattura elettronica rivolta alle onlus e in generale alle organizzazioni no profit. Vedremo quindi come fatturare ad una onlus, come impostare una fattura per le associazioni, e vedremo in fatturazione elettronica come si registra una onlus.

Come Fatturare ad una Onlus

Le onlus sono organizzazioni no profit, sono enti che svolgono attività di interesse generale senza scopo di lucro. Nonostante ciò, le onlus possono emettere fatture per le prestazioni di servizi o la fornitura di beni che forniscono. In questo caso, le fatture devono essere emesse utilizzando lo stesso modello previsto per le imprese che operano a scopo di lucro.

Invece per emettere una fattura ad una onlus, è necessario seguire questi passaggi:

  • Verificare che l’onlus sia registrata nel Registro delle Onlus presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Solo le onlus iscritte a questo registro possono beneficiare delle agevolazioni fiscali previste per le organizzazioni no profit.
  • Compilare il modello di fattura elettronica secondo le indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate. In particolare, è necessario inserire i seguenti dati:
  • Dati del venditore (nome, indirizzo, partita IVA)
  • Dati del compratore (nome, indirizzo, partita IVA)
  • Data di emissione
  • Numero di fattura
  • Descrizione della prestazione o del bene fornito
  • Prezzo
  • Aliquota IVA
  • Importo IVA
  • Totale fattura

Fattura onlus: attenzione alla Partita IVA

È importante verificare che l’onlus abbia una partita IVA valida e attiva, in quanto questo numero identificativo è obbligatorio per emettere una fattura. Se l’onlus non ha ancora ottenuto la partita IVA, è possibile richiederla presso l’Agenzia delle Entrate o presso il competente Ufficio delle Imposte del luogo in cui ha sede l’onlus.

Come fatturare ad una onlus

Come Impostare una Fattura per le Onlus

Una volta che si è verificata la presenza della partita IVA e si è compilata la fattura elettronica, è necessario inviarla all’onlus tramite il sistema di interscambio (SDI) delle fatture elettroniche.

Il sistema di interscambio (SDI) è una piattaforma online gestita dall’Agenzia delle Entrate che permette di trasmettere, ricevere e conservare le fatture elettroniche in modo sicuro e tempestivo. Per inviare la fattura elettronica all’onlus tramite il SDI, è sufficiente avere a disposizione una piattaforma completa come quella di FatturaPro che permette di creare, registrare ed inviare le fatture elettroniche ad imprese, liberi professionisti e onlus.

Come Si Registra una Onlus in Fatturazione Elettronica

Per poter ricevere le fatture elettroniche, le onlus devono registrarsi al sistema di interscambio (SDI) dell’Agenzia delle Entrate. La registrazione è gratuita e permette di ottenere un codice destinatario, ovvero il numero identificativo assegnato dal SDI all’ente.

Come Fare una Fattura ad una Onlus

Una volta ottenuto il codice destinatario, le onlus possono iniziare a ricevere le fatture elettroniche dai propri fornitori. Per verificare la ricezione delle fatture, è sufficiente accedere all’area riservata del servizio di Fatturazione Elettronica dell’Agenzia delle Entrate e selezionare la voce “Fatture Ricevute”.

Le onlus possono inoltre emettere fatture elettroniche ai propri clienti seguendo le stesse procedure previste per le imprese che operano a scopo di lucro. È sufficiente compilare il modello di fattura elettronica secondo le indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate e inviarla tramite il sistema di interscambio (SDI).

Cosa Fare in Caso di Errore nella Fattura

Nel caso in cui si riscontrino errori o inesattezze nella fattura emessa ad una onlus, è possibile procedere con la rettifica della fattura stessa. Per fare ciò, è necessario emettere una nuova fattura elettronica con gli stessi dati della fattura originaria, ma indicando la dicitura “Fattura rettificata” e specificando gli errori o le inesattezze corretti. La nuova fattura dovrà essere inviata all’onlus tramite il sistema di interscambio (SDI).

Quanto può fatturare una srls? Come funziona? Quando aprirne una?

Le SRLS (Società a Responsabilità Limitata Semplificata) sono una forma di società a responsabilità limitata che si caratterizzano per la semplicità e la flessibilità nella loro gestione. Sono state introdotte dalla Legge di Stabilità del 2014, con lo scopo di agevolare la creazione di nuove imprese e di favorire l’accesso al credito. Con questo articolo vogliamo fornire qualche utile informazione per capire cosa sono, come si costituiscono e quanto può fatturare una srls effettivamente, con limiti massimi e minimi da rispettare.

SRLS società a Responsabilità Limitata Semplificata

Le SRLS sono caratterizzate da una struttura semplificata rispetto alle altre società a responsabilità limitata, sia per quanto riguarda la loro costituzione che per la loro gestione.

Una SRLS può essere costituita da un minimo di uno a un massimo di cinquanta soci, che possono essere persone fisiche o giuridiche. Non è necessario redigere un atto costitutivo, né è richiesto il deposito di un capitale sociale minimo. I soci di una SRLS sono responsabili solo in misura proporzionale al loro conferimento, senza che vi sia il rischio di responsabilità personale.

Tassazione SRLS

Prima di arrivare a capire quanto può fatturare una srls, vediamo, nel dettaglio, la tassazione a cui sono soggette le società a responsabilità limitata semplificata. Si tratta di una tassazione ordinaria, come per le altre società a responsabilità limitata. Ciò significa che devono versare le seguenti imposte:

  • Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) per i soci, in base alla quota di partecipazione al reddito della società.
  • Ires (Imposta sul reddito delle società) per la società, in base al reddito prodotto.
  • Iva (Imposta sul valore aggiunto) per le operazioni commerciali effettuate dalla società.

SRLS costi

Aprire una SRLS comporta dei costi che vanno considerati nella fase di pianificazione dell’impresa. I costi principali sono i seguenti:

  1. Costo della visura camerale, che varia in base alla regione in cui è richiesta.
  2. Iscrizione al Registro delle Imprese, che comprende il bollo e la tassa d’iscrizione.
  3. Costo per la redazione del libro soci, che può essere sostenuto presso un commercialista o un avvocato.

Inoltre, è necessario considerare i costi per la gestione della società, come ad esempio i compensi per il consiglio di amministrazione, il commercialista e l’eventuale contabile.

Quanto può fatturare una srls? Ecco i limiti di fatturato delle SRLS

Le SRLS non hanno limiti di fatturato. Ciò significa che una SRLS può generare un reddito illimitato, a patto che sia rispettata la normativa fiscale e commerciale in vigore.

Fatturazione elettronica SRLS

A partire dal 2019, le SRLS sono obbligate alla fatturazione elettronica per le operazioni commerciali con altre imprese e con la pubblica amministrazione. Ciò significa che le fatture emesse e ricevute devono essere trasmesse in formato elettronico, utilizzando il sistema d’interscambio (SDI) messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

La fatturazione elettronica permette di semplificare l’emissione e la gestione delle fatture, riducendo gli errori e i tempi di lavoro. Inoltre, consente di avere un maggiore controllo e tracciabilità delle operazioni commerciali.

Quanto può fatturare una srls

Aprire una SRLS

Per aprire una SRLS, è necessario soddisfare i seguenti requisiti:

  1. Avere la maggiore età.
  2. Non essere stati dichiarati falliti.
  3. Non essere sottoposti a procedure concorsuali.
  4. Inoltre, è necessario scegliere una denominazione per la società che rispetti le norme sulla registrazione dei marchi e sulla tutela della proprietà industriale.
  5. Scegliere la sede della società, che può essere l’abitazione del socio o un locale commerciale.
  6. Scegliere un legale rappresentante per la società, che può essere uno dei soci o un terzo.
  7. Comunicare l’avvio dell’attività all’ufficio del registro delle imprese e all’agenzia delle entrate.
  8. Redigere il libro soci, che contiene l’elenco dei soci, i conferimenti e le quote di partecipazione.

Srls vantaggi

Aprire una SRLS (Società a Responsabilità Limitata Semplificata) può comportare diversi vantaggi per chi desidera fare impresa:

  • Semplicità e velocità nella costituzione: le SRLS non richiedono un atto costitutivo né un capitale sociale minimo, il che le rende più semplici da aprire rispetto ad altre forme societarie. Inoltre, il processo di iscrizione al Registro delle Imprese è più rapido rispetto ad altre forme di società a responsabilità limitata.
  • Responsabilità limitata dei soci: i soci di una SRLS sono responsabili solo in misura proporzionale al loro conferimento, senza il rischio di responsabilità personale. Ciò significa che il patrimonio personale dei soci non può essere utilizzato per soddisfare i debiti della società.
  • Flessibilità nella gestione: le SRLS possono essere gestite in modo flessibile, senza l’obbligo di un consiglio di amministrazione o di un organo di controllo. Ciò le rende adatte sia a piccole imprese che a società di maggiori dimensioni.
  • Possibilità di ottenere finanziamenti: le SRLS possono accedere a finanziamenti e agevolazioni fiscali destinati alle nuove imprese, come ad esempio il credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali o il superammortamento.
  • Tassazione ordinaria: le SRLS sono soggette alla tassazione ordinaria, come le altre società a responsabilità limitata, con l’applicazione dell’Irpef per i soci e dell’Ires e dell’Iva per la società. Ciò le rende più convenienti rispetto ad altre forme societarie, come ad esempio le società per azioni, che sono soggette a tassazione più elevata.

Legge di bilancio 2023: le novità per imprese e professionisti

La Legge di bilancio 2023 è stata approvata dal Governo il 28 dicembre 2022 e contiene diverse novità che interessano sia i professionisti che le imprese e tutti coloro che vogliono aprire una partita iva. In questo articolo, cercheremo di fare una panoramica delle principali modifiche apportate dalla nuova legge e di spiegare come queste possono influire sulle attività di professionisti e imprese.

Prima di entrare nello specifico, è importante ricordare che la Legge di bilancio è uno strumento fondamentale per la definizione delle politiche economiche e finanziarie dello Stato e che ha come obiettivo quello di garantire il sostegno alle famiglie, alle imprese e ai lavoratori, nonché il rilancio dell’economia. Passiamo quindi ad analizzare le novità introdotte dalla Legge di bilancio 2023 per i professionisti.

Legge di bilancio 2023: le novità per i professionisti

Una delle principali novità introdotte dalla Legge di bilancio 2023 per i professionisti riguarda l’ampliamento della platea dei soggetti che possono accedere alla detrazione del 50% per l’acquisto di beni strumentali. Fino ad oggi, infatti, tale detrazione era riservata solo ai lavoratori dipendenti e ai titolari di partita IVA con ricavi o compensi fino a 400.000 euro. Con la nuova legge, invece, la detrazione è estesa anche ai liberi professionisti iscritti alle casse di previdenza dei lavoratori autonomi e agli enti previdenziali privati.

Un’altra novità interessante per i professionisti è l’estensione della possibilità di utilizzare il regime forfettario anche ai lavoratori autonomi iscritti alle casse di previdenza dei lavoratori autonomi e agli enti previdenziali privati. Fino ad oggi, infatti, tale regime era riservato solo ai lavoratori autonomi che non superavano un determinato limite di ricavi. Con la nuova legge, invece, anche i professionisti con ricavi superiori ai limiti previsti dal regime forfettario potranno optare per tale regime, a condizione che non siano esercitate attività di impresa, arti e professioni esenti o che non diano luogo a ritenute d’acconto.

Bilancio di previsione dello Stato: le novità per le imprese

Un’altra novità importante per le imprese è l’introduzione della “Nuova Sabatini“, una misura che prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto per l’acquisto di beni strumentali da parte di piccole e medie imprese. La “Nuova Sabatini” è rivolta sia alle imprese che alle start-up innovative e prevede un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese sostenute per l’acquisto di beni strumentali, fino ad un massimo di 2 milioni di euro per ciascuna impresa.

Un’altra misura introdotta dalla Legge di bilancio 2023 che riguarda le imprese è il “credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi“, che prevede un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute per l’acquisto di beni strumentali nuovi, fino ad un massimo di 2,5 milioni di euro per ciascuna impresa. Tale credito d’imposta è rivolto alle imprese che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate in territori a elevata intensità di processo e a territori svantaggiati.

Legge di bilancio 2023

Start-up innovative: le novità nella Legge di bilancio 2023

La Legge di bilancio 2023 introduce anche diverse novità per le start-up innovative, alcune delle quali riguardano il sistema fiscale. Una di queste è l’estensione della possibilità di utilizzare il regime forfettario anche alle start-up innovative, a condizione che non siano esercitate attività di impresa, arti e professioni esenti o che non diano luogo a ritenute d’acconto.

Un’altra novità interessante per le start-up innovative è l’introduzione della “Nuova Sabatini“, una misura che prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto per l’acquisto di beni strumentali da parte di start-up innovative. La “Nuova Sabatini” prevede un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese sostenute per l’acquisto di beni strumentali, fino ad un massimo di 2 milioni di euro per ciascuna start-up.

Manovra finanziaria 2023: novità per il settore turistico e culturale

La Legge di bilancio 2023 introduce anche diverse novità per il settore turistico e culturale, alcune delle quali riguardano il sistema fiscale. Una di queste è l’introduzione del “credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi destinati all’internazionalizzazione“, che prevede un credito d’imposta pari al 40% delle spese sostenute per l’acquisto di beni strumentali nuovi destinati all’internazionalizzazione, fino ad un massimo di 2 milioni di euro per ciascuna impresa. Tale credito d’imposta è rivolto alle imprese del settore turistico e culturale che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi destinati all’internazionalizzazione dell’attività.

Inoltre, la Legge di bilancio 2023 prevede anche l’istituzione di un fondo per la promozione della cultura e del turismo, che avrà una dotazione di 50 milioni di euro per l’anno 2023. Il fondo sarà destinato a finanziare iniziative di promozione del patrimonio culturale e del turismo, nonché a sostenere l’organizzazione di eventi culturali e di valorizzazione delle destinazioni turistiche.

Manovra finanziaria: conclusioni

In conclusione, la Legge di bilancio 2023 introduce diverse novità per professionisti, imprese, start-up innovative e il settore turistico e culturale, alcune delle quali riguardano il sistema fiscale e altre che sono finalizzate a sostenere l’economia e a promuovere la cultura e il turismo. Si tratta di un’importante manovra finanziaria che introduce agevolazioni imprese e liberi professionisti.

Come fare la fattura elettronica nel 2023: tutte le novità

La fatturazione elettronica è un sistema di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture in formato digitale che sta diventando sempre più diffuso a livello mondiale. Nel 2023 sono previste diverse novità in materia di fatturazione elettronica, sia a livello nazionale che internazionale. In questo articolo vogliamo quindi spiegare come fare la fattura elettronica nel 2023 tenendo conto di tutte le novità previste per quest’anno. In sintesi, nel 2023 sono previste diverse novità in materia di fatturazione elettronica, sia a livello nazionale che internazionale, che mirano a semplificare e velocizzare gli scambi commerciali e a facilitare l’adozione della fatturazione elettronica da parte delle piccole e medie imprese.

Come fare la fattura elettronica nel 2023: le novità previste dalla Legge di Bilancio

La Legge di Bilancio 2023 ha introdotto diverse novità in materia di fatturazione elettronica che riguardano sia le imprese che gli imprenditori. Ecco alcune delle principali novità previste dalla Legge di Bilancio 2023 in materia di fatturazione elettronica:

  1. L’Italia è autorizzata a continuare ad applicare lo split payment – resta in vigore fino al 30 giugno 2023 lo Split Payment per tutte le operazioni eseguite nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni e altri Enti e società. Regola confermata in base a quanto previsto dall’articolo 17-ter del Decreto del Presidente della Repubblica n°633/1972 e sull’istituzione della disciplina dell’imposta del valore aggiunto.
  2. Lancio della fatturazione elettronica cross-border – mantenuto ed esteso il sistema per scambiare fatture elettroniche tra paesi diversi utilizzando lo standard internazionale “PEPPOL” (Pan-European Public Procurement On-Line).
  3. Introduzione di nuovi strumenti e servizi per facilitare l’adozione della fatturazione elettronica da parte delle piccole e medie imprese. La Legge di Bilancio 2023 prevede l’introduzione di nuovi strumenti e servizi, come ad esempio software gratuiti o a basso costo, per facilitare l’adozione della fatturazione elettronica da parte delle piccole e medie imprese.

Fattura elettronica medici: proroga del divieto per le prestazioni sanitarie

Il Decreto Milleproroghe 2023, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2022, ha introdotto alcune novità in materia di fatturazione elettronica per le prestazioni sanitarie.

In particolare, il Decreto Milleproroghe 2023 ha prorogato l’esonero di emissione delle fatture elettroniche per le prestazioni sanitarie al 31 dicembre 2023. La proroga dell’esonero per le prestazioni sanitarie:

  1. i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema TS con riferimento alle fatture i cui dati sono da inviare a detto Sistema
  2. soggetti che non sono tenuti all’invio dei dati al Sistema TS, con riferimento alle fatture relative a prestazioni sanitarie effettuate nei confronti di persone fisiche.

Come fare la fattura elettronica

 

Inoltre, il Decreto Milleproroghe 2023 ha previsto la possibilità per le strutture sanitarie pubbliche o private accreditate o convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale di utilizzare la fatturazione elettronica per le prestazioni sanitarie erogate nei confronti di soggetti privati a partire dal 1gennaio 2024, a condizione che le prestazioni siano pagate mediante carte di credito, bancomat o altri strumenti di pagamento elettronici.

Decreto Milleproroghe

Il Decreto Milleproroghe specifica infatti:

“Per i periodi d’imposta 2019, 2020, 2021 e 2022, i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria, ai fini dell’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, ai sensi dell’articolo 3, commi 3 e 4, del decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175, e dei relativi decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, non possono emettere fatture elettroniche ai sensi delle disposizioni di cui all’articolo 1, comma 3, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, con riferimento alle fatture i cui dati sono da inviare al Sistema tessera sanitaria”

Come fare la fattura elettronica: conclusioni

Le novitàà introdotte nel 2023 in materia di fatturazione elettronica hanno riguardato sia le imprese che gli imprenditori nei vari regimi fiscali. In particolare, a partire dal 1° gennaio 2023 è stato introdotto l’obbligo di fatturazione elettronica per le imprese che emettono fatture nei confronti della pubblica amministrazione, mentre a partire dal 1° luglio 2023 saràà possibile scambiare fatture elettroniche tra paesi diversi utilizzando lo standard internazionale “PEPPOL”.

Inoltre, la Legge di Bilancio 2023 ha previsto l’introduzione di nuovi strumenti e servizi per facilitare l’adozione della fatturazione elettronica da parte delle piccole e medie imprese.

In sintesi, le novità introdotte nel 2023 in materia di fatturazione elettronica hanno comportato l’estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica a nuove categorie di soggetti e l’introduzione di nuove opportunità per le imprese e gli imprenditori.

Come vedere il fatturato di un’azienda

Oggi, sapere come vedere il fatturato di un’azienda è molto importante.  Si tratta, infatti, di una delle metriche di performance fondamentali per conoscere lo stato di salute di un’impresa. Esistono diversi modi per visualizzarlo, come, ad esempio, attraverso il bilancio e la dichiarazione dei redditi, oppure i rapporti finanziari periodici che includono informazioni sul fatturato. In questo articolo andiamo a vedere nel dettaglio cos’è il fatturato aziendale, a cosa serve e come e dove è possibile visualizzarlo.

Fatturato azienda: cos’è e perché è importante conoscerlo

Il fatturato di un’azienda è la quantità di denaro che l’azienda genera vendendo i suoi prodotti o servizi ai clienti. È una delle principali metriche di performance aziendali e rappresenta la quantità di denaro che l’azienda ha incassato durante un determinato periodo di tempo, solitamente un anno o un trimestre.

Il fatturato è importante perché rappresenta il livello di attività commerciale dell’azienda e può essere utilizzato per valutare la crescita o il declino dell’azienda stessa nel tempo. Inoltre, il fatturato può essere utilizzato per calcolare il margine lordo, che costituisce la differenza tra il prezzo di vendita dei prodotti o servizi e i costi diretti sostenuti per produrli. Il margine lordo può a sua volta essere utilizzato per calcolare il profitto lordo, vale a dire la quantità di denaro che l’azienda guadagna prima di dedurre le spese generali e le tasse.

Il fatturato è importante anche perché può essere utilizzato per confrontare le prestazioni di un’azienda con quelle di altre aziende del settore, o con le prestazioni storiche dell’azienda stessa. Inoltre, il fatturato può tornare utile come base per il calcolo delle tasse e per determinare il valore dell’azienda.

In sintesi, il fatturato è una metrica chiave per valutare la performance aziendale e per prendere decisioni importanti sulla strategia, il budget e le risorse dell’azienda.

Come vedere il fatturato di un’azienda

Il fatturato di un’azienda è quindi una delle metriche di performance più importanti e può essere visualizzato in diversi modi e in diversi luoghi. Ecco alcuni metodi in cui è possibile vederlo e recuperarlo facilmente:

  1. Bilancio: il bilancio è un documento che riepiloga le entrate e le uscite di un’azienda durante un determinato periodo di tempo, solitamente un anno. Il fatturato può essere trovato nella sezione delle entrate del bilancio, che mostra la quantità di denaro che l’azienda ha incassato vendendo i suoi prodotti o servizi.
  2. Dichiarazione dei redditi: la dichiarazione dei redditi è un documento che riepiloga i guadagni e le perdite di un’azienda durante un determinato periodo di tempo. Anche in questo caso, il fatturato può essere trovato nella sezione delle entrate, che mostra la quantità di denaro che l’azienda ha incassato vendendo i suoi prodotti o servizi.
  3. Rapporti finanziari: molti gruppi aziendali pubblicano dei rapporti finanziari periodici, che includono una panoramica della performance finanziaria dell’azienda. Il fatturato può essere trovato nei rapporti finanziari come parte delle entrate totali dell’azienda.
  4. Siti di terze parti: esistono diversi siti di terze parti che offrono informazioni finanziarie su molte aziende, come ad esempio Yahoo Finance o Bloomberg. È possibile cercare l’azienda in questione su questi siti per vedere il fatturato e altre informazioni finanziarie.

Inoltre, il fatturato di un’azienda può essere visualizzato direttamente dall’azienda stessa, ad esempio attraverso il suo sito web o i suoi rapporti finanziari pubblicati. È sempre importante verificare la fonte delle informazioni finanziarie per assicurarsi che siano accurate e aggiornate.

Come vedere il fatturato di un'azienda

Fatturato aziendale e Registro delle Imprese

Il registro delle imprese delle Camere di Commercio è un database pubblico che raccoglie informazioni su tutte le imprese iscritte al registro delle imprese, comprese le società per azioni, le società a responsabilità limitata e le ditte individuali. Il registro delle imprese delle Camere di Commercio è gestito dalle Camere di Commercio locali e può essere consultato da chiunque per ottenere informazioni sull’attività di un’impresa.

Per visualizzare il fatturato di un’azienda tramite il registro delle imprese delle Camere di Commercio, è necessario seguire questi passaggi:

  1. Trovare il registro delle imprese delle Camere di Commercio della zona d’interesse. In Italia, ad esempio, si possono trovare il registro delle imprese delle Camere di Commercio sul sito web delle Camere di Commercio italiane.
  2. Cercare l’azienda d’interesse. È possibile ricercare l’impresa per nome o per partita IVA.
  3. Una volta trovata l’azienda, selezionare il nome per visualizzarne i dettagli.
  4. Nella pagina dei dettagli dell’azienda, sono presenti diverse sezioni con informazioni sull’azienda stessa, come ad esempio la sua forma giuridica, il numero di dipendenti, il settore di attività e altre informazioni.
  5. Cercare la sezione “bilancio” o “dichiarazione dei redditi” per trovare il fatturato dell’azienda. In questa sezione, sono presenti le informazioni dettagliate sull’ammontare delle entrate dell’azienda durante un determinato periodo di tempo.

Il registro delle imprese delle Camere di Commercio è una risorsa molto utile per ottenere informazioni veloci accurate e certificate.

Fatture Google Ads: attività e metodo di fatturazione

Le fatture Google Ads sono un elemento fondamentale per la gestione delle campagne pubblicitarie sulla piattaforma di Google. In questo articolo, vedremo in dettaglio cos’è una fattura Google Ads, come funziona il sistema di fatturazione e come utilizzarlo al meglio per ottimizzare le nostre campagne pubblicitarie.

Come funziona Google ads

Google Ads è una piattaforma pubblicitaria online gestita da Google che permette alle aziende di pubblicare annunci sulla rete di ricerca Google e sui siti della Rete Display di Google. Gli annunci di Google Ads appaiono in cima e a lato dei risultati di ricerca di Google e possono essere targettizzati in base a parole chiave, luogo geografico, lingua e altri fattori. Le aziende pagano solo quando gli utenti fanno clic sugli annunci, il che significa che possono raggiungere un pubblico specifico senza dover pagare per visualizzazioni o impressioni non rilevanti. Google Ads offre anche strumenti di ottimizzazione e analisi per aiutare le aziende a monitorare e migliorare le prestazioni dei loro annunci.

Fatture Google Ads: cosa sono, a cosa servono e come sono utilizzate

Le fatture Google Ads sono documenti che riepilogano il costo delle campagne pubblicitarie condotte tramite la piattaforma Google Ads. Le fatture Google Ads sono generate ogni mese e contengono informazioni dettagliate sui costi delle campagne, come il costo per clic (CPC), il costo per impressione (CPM) e il tasso di conversione. Possono anche includere informazioni sulla data di inizio e fine della campagna, il numero di clic e impressioni ottenuti, il tasso di clic e altri dati.

Fatture Google Ads

Le fatture Google Ads possono essere utilizzate dalle aziende per monitorare le prestazioni delle loro campagne pubblicitarie e ottimizzare le loro strategie in base ai risultati ottenuti. Ad esempio, le aziende possono utilizzare le fatture elettroniche per identificare le parole chiave che hanno generato il maggior numero di clic e quindi aumentare il budget per quelle key per ottenere più traffico qualificato. Inoltre,  possono anche utilizzare le fatture per vedere quali annunci hanno avuto il tasso di conversione più alto e quindi concentrarsi sulla creazione di annunci simili per ottenere risultati migliori.

Le fatture Google Ads possono anche essere utilizzate per gestire il budget delle campagne pubblicitarie. Ad esempio, le aziende possono impostare un budget mensile per le loro campagne e utilizzare le fatture per monitorare quanto stanno spendendo e per fare modifiche al budget in base ai risultati ottenuti. In questo modo, possono assicurarsi di ottenere il massimo valore per il loro budget pubblicitario.

Google Ads fatture e struttura

Come abbiamo visto, una fattura di Google Ads è quindi un documento che riepiloga il costo delle campagne pubblicitarie condotte tramite la piattaforma Google Ads. Solitamente, una fattura di Google Ads è strutturata in modo da includere le seguenti voci:

  1. Dati di fatturazione: questa sezione include informazioni sulla data di emissione della fattura, il periodo di fatturazione, il numero della fattura e altri dettagli importanti.
  2. Campagne pubblicitarie: questa sezione include informazioni dettagliate su ogni campagna pubblicitaria condotta durante il periodo di fatturazione, come il nome della campagna, il budget, il numero di clic e impressioni ottenuti e il costo per clic (CPC) e il costo per impressione (CPM).
  3. Resoconto di spesa: qui troviamo il riepilogo del totale delle spese per ogni campagna pubblicitaria e per l’intero periodo di fatturazione.
  4. Metodi di pagamento: questa parte comprende informazioni sui metodi di pagamento accettati dalla piattaforma Google Ads, come ad esempio carta di credito, addebito diretto o bonifico bancario.
  5. Termini e condizioni: questa sezione include i termini e le condizioni di utilizzo della piattaforma Google Ads, come ad esempio le politiche sulla cancellazione o sulla sospensione delle campagne pubblicitarie.

Le fatture di Google Ads possono variare leggermente a seconda del paese in cui sono emesse, ma in generale seguono questa struttura di base. È importante leggere attentamente la fattura per comprendere appieno i costi delle campagne pubblicitarie e per assicurarsi di avere una chiara comprensione delle condizioni di utilizzo della piattaforma Google Ads.